Friday 9 March 2007

SULL'8 MARZO...IN RITARDO!

Questo post era già pronto ieri sera ma, causa un forte attacco di emicrania che mi perseguita ormai da una settimana e un gustoso film con Bud Spencer & Terence Hill :-p, non sono riuscita a postarlo.

Festa della donna. Mimose, omaggi, galanterie. La solita festa consumistica, nel quale le donne possono sentirsi al centro dell'attenzione senza dover ricorrere in modo drastico al vittimismo. Ma ci ricorrono, eccome! E le donne in disparità, sessismo, ecc... La solita solfa. Di un mondo occidentale popolato da donne che, avendo ormai tutto, non sanno più come essere al centro dell'attenzione e allora si attaccano a qualsiasi fatto di cronaca legato alla violenza sulle donne e lo ingigantiscono all'estremo. Come disse una volta Beppe Grillo in un suo post dal titolo "il nuovo femminismo" alle donne, alla fine quando si parla di strupri e di violenze, piace. Così hanno almeno qualcosa di cui parlare. Per sentirsi vittime. Perchè le donne, in particolar modo le occidentali, amano essere vittime e sono anche masochiste.
Ora dite pure che io non ci capisco un cazzo, che della vita non ho capito niente e che vivo in un mondo di favola. Ditelo pure. Chi sono io per dire di aver capito tutto? Io penso che si capisca tutto solo un attimo prima di esalare l'ultimo respiro. Ma certe cose proprio non le capisco. Non riesco a capirle e ad accettarle.
Non solo le donne sono vittime. Ma anche gli uomini. E sono vittime della società, della povertà e dell'ignoranza. Le donne del terzo mondo, quando parlano delle loro sfighe personali, non lo fanno per ottenere la pietà e la compassione delle donne occidentali, ma lanciano un grido di aiuto per migliorare la loro condizione e quella del paese in cui vivono. Sono vittime della povertà e dell'ignoranza, non degli uomini. Entrambi sono vittime di questa situazione dalla quale l'occidente non vuole aiutarli a farli uscire. Le donne occidetali parlano e parlano e parlano, ma alla fine non fanno niente. Perchè, come ho detto prima, la cosa a loro piace. Per poter vittimizzarsi ancora.
Povere donne! E non parliamo di poveri uomini? Di quelli che lottano per vedere i figli che le ex mogli non vogliono fargli vedere? E badate, non sono pedofili o stupratori, ma buoni padri di famiglia. Parliamo degli uomini che devono subire spesso soprusi dalle donne, che sono obbligati a tacere. Perchè tanto la colpa è sempre la loro. Se toccano il sedere, in modo scherzoso ad una donna, e questa non ha il senso dell'umorismo questo rischia una denuncia per molestie sessuali. E badate che tra una pacca sul culo e lo stupro più violento ne passa eccome!
Forse dovremo riflettere un pò di più e vittimizzarci di meno. E piantarla con le stronzate tipo le mimose e gli ingressi gratis. E chi siamo? E perchè gli uomini devono sempre pagare? Riflettiamo. E se volete mandatemi affanculo. Non ho problemi.
Alla prossima.

P.S. una foto molto carina, emblema della bastardaggine femminile più pura :-D

4 comments:

Ovvio che sono io! said...

Sarò anche un cretino con il cervello annebbiato dall'idiozia ma propongo una "Festa dell'Uomo": musei gratis, cinema gratis, discoteche gratis per un giorno. E al posto delle mimose giornali sportivi, giornaletti sconci :-P et simila gratis. E CHE CAZZO, PERCHè DOBBIAMO SEMPRE PAGARE NOI? LE DONNE VOGLIONO EMANCIPARSI? PAGHINO LORO PER UNA VOLTA! SONO STUFO DI TIRAR FUORI OBOLI OGNI VOLTA CHE ESCO A CENA CON UNA DONNA! BASTAAAAAAA!

fatalità said...

Certo, ovvio che sei tu. SOLO TU potevi scrivere certe fesserie eheheheh... vabbé, scherzi a parte, mi rammarica dirlo ma certe volte, come ora, hai ragione. Ma che ci vuoi fare? Alle donne, incluse me, piace essere coccolate, viziate, e soprattutto io non amo aprire il portafogli :-D Ma qualche volta sarebbe anche giusto farlo.
Per quanto riguarda il vittimismo...non saprei che dire. Ma credo che tu non abbia tutti i torti. A volte certe donne esagerano veramente. Ma a volte credo che il masochismo sia qualcosa di patologico. Prendi la mia ex vicina di casa. Il marito la picchiava sempre quanto era stonfo (ovvero ubriaco, per chi non lo sapesse). Eppure non lo mollava mai! I figli andavano dallo psicologo perchè erano traumatizzati e lei rimaneva li, a prenderle. Ovvio che quella era di un masochismo esagerato. Alla fine lo ha mollato. Forse si era stufata di prenderle. Chissà. Certe donne non le capisco.
Au revoir!

Il Maestro said...

"ovvio che sono io!" è per caso l'ingeggnere?
Saluti da Bertinoro, non ho molto tempo per leggere tutto... :( mi spiace!

Bacioni!

francis [il mulo parlante] said...

ottima l'idea della "festa dell'uomo", ma se la festa della donna è abbinata alla mimosa; a quale fiore la si potrebbe abbinare quella dell'uomo?