Sunday 8 October 2006

POESIOLA: LOST IN ADDLE

L'ho scritta io. Eh si! E' in inglese, ma non è difficile da comprendere. Il linguaggio è semplice. Se non vi piace, potete sempre guardare il Grande Fratello! Quello è meno impegnativo! :-p

What am I doing here?

Just walking in a world of shadows

Following each other searching for something

That will never exist

About what can I talk about?

Just blabbing around

In a world in which all is said

And what’s left is the weak whisper o a great dead poet

What can I do here?

Just strolling in a field covered with copses

Of ancients judges who knew here truth lived

And for that they had been killed.

What am I waiting for?

Just the great cold

That will fall on me someday

Death, the only certainty I have

In a world in which all had been spoiled.

Alla prossima! :-)



3 comments:

Il Maestro said...

:-O Ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh
Fiiiiiiiiiiiko!

Ombre said...

Oggi pomeriggio ne ho letta una in francese, ora ne ritrovo una in inglese... sei straordinaria! Ma hai anche tu qualche limite? @.@

Complimenti (più che doverosi) a parte, non posso che ritrovare però enorme tristezza e malinconia in questa poesia. Una poesia che ha, forse anche per la lingua in cui è stata composta, un sapore di blues, di un blues nero nell'anima e nelle parole. Un blues che come il blues più puro nasce da un'anima non serena, non completa, non compiaciuta. Forse addirittura tormentata.
Leggere questa splendida poesia non fa star bene, non fa essere allegri, non fa essere felici. Non è una poesia che si può avere piacere a ricordare o a declamare, ma non perché non sia bella... ma perché è triste, è a momenti soffocante, non lascia spazio per alcuna speranza, per alcuna gioia.

Un lavoro meravigliosamente dark, come non posso che ipotizzare fosse tuo desiderio ottenere...

Shogun said...

Anf, anf, certo che scrivi proprio tanto, eh? Sto leggiucchiando un po' di tutto dall'inizio. Bellissima questa poesia, mi è piaciuta molto.